Venezia e la sua Laguna

中文   English   Español   Français   Deutsch   Русский
 
 
 

La prima volta...
arrivai di notte, su un mar nero come l'inchiostro, temendo ogni momento di affondare. La notte era così buia, solo qua e là il luccichio di una misera luce. Mi precipitai nelle callette, poi in Piazza San Marco, senza osar nemmeno alzare gli occhi impaurito dalla sua immensità. Di nuovo, corsi verso le calli e mi fermai presso un ponte. Ricordo il canale - così scuro, silenzioso e tenero - e il pensier mio: "Venezia è una città dove puoi piangere".


 
 
 

La Laguna mostra...
la vita primitiva e vera di Venezia, ignorante dei telefonini e dei comodi della civiltà, alle prese colle potenze della natura, il vento, la nebbia, le correnti, le solitudini; pertanto un paradiso dalla magia impalpabile
e amichevole.
Mostra pure la
vita millenaria dei pochi pescatori
rimasti in quella
parte della Laguna Nord vent'anni fa, parte alquanto inaccessibile e sconosciuta anche
dai veneziani.


 
 
• Foto di Venezia (di giorno in bianco e nero)
Sole sulla Banchina Cà Malipiero Acqua stanca a San Boldo Testa che guarda il Canale Arrivano i Nuvoli a Rialto
 
• Foto di Venezia (di notte in bianco e nero)
Banchina del Trapolin Chiesa Santa Maria dei Miracoli Ponte con l'Inferriata Piazza San Marziale Il Mercato di Notte
 
• Foto della Laguna di Venezia (in bianco e nero)
Canale di Sant'Antonio La Laguna a La Cura Vivai di Granchi in Canal Capo Torcello Canale di Mazzorbo
 
 
Info      Pensieri      Il Pensiero del Giorno              TUTTE LE FOTO              Mostra      Dipinti

Venezia e Laguna  colori           Campagna Francese           Friuli            GRANDE GALLERIA



Tutti i diritti riservati 2000